• 337 756289 - 331 6485438
  • info@terminalinvestigazioni.com

Archivio dei tag poste

Riconoscere un sito truffa

E’ molto difficile rintracciare un truffatore che si è appropriato dei vostri dati sensibili (nome, cognome,carta di credito, password ecc.) questo perchè chi pratica queste truffe altera il proprio indirizzo IP di navigazione.
Ogni connessione, ogni computer, ha un indirizzo identificativo denominato, appunto, IP (Internet Protocol) che ha lo stesso ruolo di un’impronta digitale.
Quando si naviga in Internet il nostro IP rimane scritto all’interno dei siti che visitiamo, ecco perchè una persona dedita al crimine informatico ha la necessità di cambiare questo indirizzo, un po’ come se indossasse i guanti durante un crimine per non essere rintracciato.
Utilizzando un proxy (tradotto significa “intermediario”) maschera ed altera il proprio indirizzo IP rendendo praticamente impossibile la postuma identificazione da parte degli investigatori, anche perchè questo indirizzo continua a modificarsi rimbalzando di nazione in nazione.

ALLORA COME TUTELARSI DAL FURTO DI DATI SENSIBILI?

In primo luogo siamo noi, solo noi utenti a fornire i dati ai criminali, di volta in volta che acquistiamo, ci registriamo sui siti, chattiamo.

Regola:  nessuno ma proprio nessuno può chiedervi le vostre password.

Supponiamo che riceviate un’email dalle Poste Italiane (o altri enti) in cui vi viene chiesto di confermare i vostri dati pena la cancellazione dell’account o, addirittura, il blocco del conto, ecco nessuno può chiedervi la password, bisogna ricordare che la password è un dato personale che dobbiamo conservare esclusivamente per noi stessi. Se rispondete a queste email vi verranno rubati i dati e svuotato il conto corrente. Ricordate di accedere ai servizi sempre tramite i siti ufficiali.

COME RICONOSCERE UN SITO UFFICIALE DA UNO FALSO

Ogni qualvolta che si accede al sito del proprio istituto bancario, al sito delle poste o ad un sito in cui si devono inserire o vengono conservati dati di carte di credito, accertarsi che il prefisso del sito sia HTTPS e non HTTP.

Nel caso delle Poste Italiane accediamo con questo indirizzo:

https://www.poste.it/

NON accediamo con questo indirizzo:

http://www.poste.it/

Come noterete c’è una lettera S in più, la barra di navigazione, a sinistra, si colora di verde e, se clicchiamo sopra, vediamo che il sito è sicuro, riconosciuto come tale dalle autorità che rilasciano i certificati SSL atti alla navigazione sicura e criptata.

Ogni volta che effettuiamo una registrazione in cui viene chiesta la carta di credito o un pagamento online dobbiamo assicurarci che il sito abbia prefisso HTTPS solo così saremo sicuri che la navigazione è criptata da un potente algoritmo e non intercettabile da terze persone.